Natale a tavola, la guida per affrontarlo con i bambini

Non è a Natale o Capodanno che si ingrassa, bensì durante tutto l'anno (se non si fa attenzione). E il mese di dicembre merita un'attenzione particolare, perché le occasioni per “sgarrare” si moltiplicano. Ecco quindi una serie di utili consigli rivolti ai genitori per tenere sotto controllo la dieta dei propri figli anche durante le festività

Scopri il centro pediatrico
Natale a tavola, la guida per affrontarlo con i bambini

Natale vuol dire famiglia, ma anche pasta al forno, arrosto, panettone, pandoro, torrone e frutta secca. Le feste sono il momento giusto per fare il pieno di amore, ma anche – purtroppo – di calorie.

Mamme e papà spaventati dalle conseguenze dei lauti pasti, però, devono tranquillizzarsi: «Pranzi e Cenoni non devono diventare un terreno di scontro tra adulti e bambini. Possono invece rappresentare una buona occasione per passare dei bei momenti insieme» sottolinea Caterina Cellai, dietista del Centro Medico Santagostino. Ciò non significa però mangiare senza controllo.

Ecco quindi una serie di utili consigli per tenere sotto controllo il menu di Natale dei bambini durante le feste.

1. Alimentazione sotto controllo per tutto il mese dicembre

«Per godersi in tranquillità le feste è bene regolare l’alimentazione di tutta la famiglia a partire dall’inizio di dicembre. Tra feste di classe e cene con gli amici, infatti, genitori e figli hanno più opportunità di trasgredire il normale regime alimentare. La norma da seguire è che non si devono fare più di due strappi alla regola nell’arco di una settimana».

2. Occhio ai dolci

«Un’attenzione particolare va riservata ai dolci, che si moltiplicano in casa durante le feste. Panettone e pandoro, ad esempio, vengono spesso acquistati a partire da metà novembre e utilizzati a colazione o dopo cena. È meglio evitare, perché sono molto calorici: anche una piccola fettina ha un apporto di energia importante».

Questo significa fare attenzione anche alle merende: «La regola è non esagerare con spuntini troppo pesanti. Mangiare qualche volta a settimana a metà pomeriggio dei biscotti o pane e cioccolato va bene, ma  è importante programmare anche merende più leggere, composte da frutta, yogurt e dolci fatti in casa. Inoltre, può essere d’aiuto scegliere i prodotti giusti: ad esempio, selezionare biscotti che non abbiano troppi zuccheri aggiunti o creme di cioccolato con percentuale elevata di nocciole. Anche la cioccolata calda può essere più leggera se scelta leggendo con cura la tabella nutrizionale».

E poi, per quanto riguarda il Calendario dell’Avvento: «Preferitene uno con cioccolatini al cioccolato fondente non troppo grandi».

3.  Menu di Natale dei bambini, prevedete un pasto più leggero

«È bene ricordare che non si ingrassa da Natale a Capodanno, ma in tutto il resto dell’anno. Quindi, si può mangiare di più senza (troppi) pensieri la Vigilia e il Pranzo di Natale, Santo Stefano e il Cenone di Capodanno, anche se è meglio prevedere un menù un po’ più leggero almeno in uno di questi giorni».

4. Prevedete delle alternative “sane” per i bambini

In queste occasioni, spesso si esagera negli antipasti e i dolci: «Un’idea è prevedere delle pietanze a parte per i bambini, almeno per queste due portate. Al posto di formaggi e affettati, ad esempio, gli si può offrire un piccolo sformato di verdure. E come contorno, meglio evitare le patate, che sono carboidrati che vengono già assunti con la pasta e il pane. Infine, si può mangiare un po’ di dolce, mentre è meglio evitare la frutta secca per non aggiungere calorie».

5. Offrite delle porzioni adeguate

Un altro elemento da tenere sotto controllo riguarda le porzioni. «Non bisogna pensare che i bambini debbano mangiare le stesse quantità degli adulti. Le porzioni di carboidrati e di secondi sono da linee guida nettamente inferiori a quelle degli adulti».

6. Lasciate i bambini liberi di giocare

Un altro modo per non farli mangiare troppo durante le feste è lasciarli liberi di giocare. «Tanto per loro è una tortura stare seduti tante ore. Meglio lanciargli un pallone tra il primo e il secondo e lasciare che si muovano».

7. Dopo pranzo, fate una bella passeggiata

«Un buon modo per muoversi e bruciare qualche caloria è quella di uscire nel pomeriggio, dopo il pranzo, e fare una passeggiata tutti insieme».